Sign in / Join

NURSERY FIELD FOREVER

Nursery Field Forever: la scuola d’infanzia che insegna ai piccoli a coltivare ciò che mangiano.
Un team di architetti italiani ha vinto il primo premio alla AWR competition di Londra, con un progetto per una scuola per piccoli agricoltori.
La canzone era “Straberry Field Forever” e gli architetti del team, tutto italiano, "Aut-Aut", hanno pensato proprio a John Lennon nel presentare il loro progetto alla AWR competition, il concorso per le nuove scuole d’infanzia londinesi.
Così, “Nursery Field Forever” è arrivato primo: il progetto  immagina una pre-scuola “agricola”, dove i piccoli di 4-5 anni imparano a coltivare il cibo che mangiano e stabilire un contatto con i ritmi della natura. Il team di designer, che opera a Roma, è formato da Gabriele Capobianco, Edoardo Capuzzo Dolcetta, Jonathan Lazar, and Davide Troiani.
Parola d'ordine: Recuperare il contatto con la natura!
“Oggi l’assenza di una esperienza diretta con la natura ha completamente deviato la percezione dei bambini del mondo e dei suoi processi basilari. Questo sembra essere vero soprattutto per chi abita nelle città” spiegano gli architetti. “I bambini sono dei naturalisti molto curiosi, e pensiamo che questa loro qualità innata debba essere sfruttata e stimolata per un approccio educativo moderno”.
Un po' gioco e un po' fattoria.
Il loro modello è una scuola capace di combinare gioco, natura e tecnica, in una didattica basata su tre approcci: apprendimento dalla natura, dalla tecnica e dalla pratica. Lo sviluppo sociale, fisico ed emotivo dei bambini è incoraggiato dall'interazione con le piante e gli animali. Attraverso la cura di un animale, per esempio, i bambini possono sviluppare il senso di responsabilità, e con gli ambienti a metà tra scuola e fattoria riescono a sperimentare attività sempre diverse. Non c’è la classica suddivisione in aule, la scuola è formata da edifici alimentati con fonti rinnovabili dai tetti spioventi e situati lungo una traiettoria sinuosa. I bambini apprendono come curare gli animali e le piante, come si coltiva il cibo. Allo stesso tempo instaurano una relazione di rispetto con la natura e con la comunità di compagni che frequenta la scuola che li fa crescere come persone.
I bambini sono, da sempre, dei grandi maestri. Per parlare con loro e di loro, dovremmo "elevarci" alla loro altezza e spesso è una visione scomoda quella che rimandano i loro occhi, soprattutto in tema di ambiente.
Promuoviamo progetti che riportino loro, e noi, a ritrovare il senso vero della Vita, dell'esistenza.
Su le maniche e ... mani in pasta? No, mani nella terra!
Buona giornata!

Se hai letto questo articolo ti potrebbero interessare anche...

Leave a reply

Powered by WishList Member - Membership Software

Continuando a navigare su questo sito, si accettano le condizioni sui Cookie. Più informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close